Pagine

giovedì 8 gennaio 2015

Nokia Lumia 1320 - RECENSIONE


Nuovo device in prova, questa volta si tratta del Nokia Lumia 1320, fratello minore del 1520, i due phablet di casa Microsoft. Innanzitutto ci tenevo a ringraziare l'ottimo servizio offerto da Microsoft Italia, migliorato dalla gestione Nokia. Lo smartphone datomi in prova per un periodo di due settimane è stato poi allungato a tutte le vacanze. Da lodare quindi l'ottimo servizio clienti di Microsoft che cerca di far provare gratuitamente i suoi device, nessun altro produttore lo fa. Passiamo ora al telefono vero e proprio.

Nokia Lumia 1320 è un phablet, abbastanza grande, da 6 pollici; ho spesso criticato i phablet che non siano Note del quale sono un utilizzatore perchè si limitano, come in questo caso, ad ingrandire uno smartphone quindi sarebbe più opportuno parlare di smartphone più che di phablet. Il sistema non è quindi ottimizzato per uno schermo da 6 pollici e avremo la medesima versione del software di un Nokia Lumia 630. Questo è un aspetto che coinvolge tantissimi altri produttori a partire dall'ultimo Nexus 6 prodotto da Motorola. La parola phablet quindi sarebbe più adatta ad identificare un prodotto business come la gamma Note piuttosto che un semplice smartphone "grande". Ma allora, arrivando al dunque, uno smartphone "grande" serve? Bella domanda!
Iniziamo la recensione con le caratteristiche di questo prodotto:

SCHERMO
Grandissimo lo schermo da ben 6 pollici ma una risoluzione secondo me troppo bassa per queste dimensioni, con 1280x720 pixel di risoluzione infatti i ppi si fermano soltanto a 245, pochi se paragonati ai 386 del Note 3 o ai 515 del Note 4.

SOFTWARE
Aggiornato alla recente versione di Windows Phone 8.1 è arrivato l'update proprio nei giorni di prova dove tra i benefici maggiori c'era finalmente Cortana in italiano. Si tratta di un assistente vocale, come Siri o Google Now, in grado di offrire davvero molto per essere una versione alpha. Potete quindi da oggi in poi iniziare a prendere in giro i vostri simpatici amici fanboy che hanno sempre usato Siri come cavallo di battaglia di iPhone (quando sarebbe stato meglio se avessero lasciato perdere). Molto simile a Siri vi permetterà di fissare appuntamenti nel calendario, sveglia, chiamare o mandare un messaggio ad un contatto, cercare luoghi nelle vicinanze o trovare il titolo di una canzone che gli farete sentire. Purtroppo Windows Phone viene ancora poco considerato dagli sviluppatori e anche chi rilascia la propria app per questo sistema non include tutte le funzioni presenti sulla concorrenza, inoltre le app non hanno un'ottima gestione di multitasking. Questo non è un problema per l'utente poco esperto dove appunto secondo me mira Microsoft essendo leader assoluta negli smartphone low cost ma è un grosso svantaggio per i top di gamma dove non riesce ad arrivare a quegli utenti che hanno bisogno di più funzioni da uno smartphone. 
Infine una funzione che ho apprezzato molto il doppio tap sullo schermo per attivare il telefono in stile LG.

BATTERIA
Una batteria così prestante è difficile trovarla in commercio; con i suoi 3400 mAh potrete tranquillamente arrivare a due giorni di autonomia anche con un uso intenso del device. Sicuramente l'aspetto che mi ha colpito di più dal momento che il mio Note 3 con la sua batteria da 3200 mAh copre a fatica una giornata con un uso molto più leggero.

ERGONOMIA
Nokia da sempre attenta al design e alla qualità dei materiali; classica scocca posteriore in stile Nokia removibile ma con batteria incorporata. Purtroppo davvero pesante in confronto a Note, 220 grammi contro i 168 di Note 3 e l'impugnatura troppo scomoda. Molto scivoloso quindi sconsigliato da usare in assenza di cover, essendo molto grande è anche difficile da maneggiare e i classici pulsanti di accensione/spegnimento, volume e fotocamera non sono nella posizione migliore per quelle dimensioni: può capitare spesso di finire col pollice sul pulsante di accensione/spegnimento durante una chiamata.

FOTOCAMERA
Dotato di flash e fotocamera posteriore da 5 mpx questi bastano e avanzano per foto da social network. Di seguito una galleria di foto realizzate:

HARDWARE
Processore Qualcomm Snapdragon S4, 1 GB di RAM e 8 di memoria interna espandibili tramite micro-SD fino a 64 GB. La SIM è di tipo micro e supporta le reti LTE; per la connettività mi sono trovato abbastanza bene avendo una buona copertura anche nelle zone poco coperte.

CONSIDERAZIONI FINALI
Con il suo prezzo di poco superiore ai 200 € si posiziona nella categoria di fascia medio-bassa, utile quindi ad una categoria di utenti che cerca uno smartphone che sappia fornirgli in modo eccellente poche e semplici funzioni. Lo schermo da 6 pollici forse un po' troppo grande, utile forse a persone che hanno bisogno di uno schermo grande per problemi di vista, peccato per la risoluzione che però si fa notare.

VOTO 7+


martedì 6 gennaio 2015

De' Longhi Magnifica S - RECENSIONE

Ho utilizzato per anni macchine del caffè manuali come Saeco e De' Longhi e sicuramente il salto di qualità si nota, sembra proprio di essere al bar. Non è sicuramente la miglior macchina da caffé in commercio ma è la migliore per rapporto qualità prezzo. Ci sono tre colorazioni che vendono a tre prezzi diversi ma sono uguali.
Una qualità davvero ottima di caffè che però ha dei costi. Risparmierete tempo nel preparare il caffè, sia con moka che con macchina del caffè manuale, il tempo infatti per prepararlo è davvero istantaneo e se siete persone sempre di corsa la mattina presto risparmierete un notevole lasso di tempo. Ma non è tutto rosa e fiori perchè la macchina ha bisogno di pulizia e manutenzione molto spesso. Infatti il contenitore dell'acqua si svuota molto velocemente (io lo riempo almeno una volta al giorno) in quanto la macchina svolge ogni volta un ciclo di pulizia prima di avviarsi e prima di spegnersi e per questo motivo pure il raccoglitore delle gocce va svuotato almeno 1 volta al giorno. Il contenitore dei chicchi di caffè sembra poco capiente però dura tranquillamente una settimana come quello dei fondi che non ho dovuto svuotare con tanta frequenza. Ogni due mesi dovrete cambiare il filtro addolcitore per una spesa di circa 10 € e di tanto in tanto (mi è capitato la prima volta dopo 2 mesi dall'acquisto) decalcificare la macchina tramite il prodotto De' Longhi, la macchina vi avvertirà quando è ora di farlo. Consiglio di scaldare sempre la tazzina del caffè con acqua bollente della macchina per un caffè più caldo e di regolare al minimo (ma non troppo) il livello del macina chicchi (io l'ho impostato tra 1-2). Troppo basso vi farà scendere un caffè a gocce mentre troppo alto avrete un caffè troppo acquoso, mi raccomando regolatelo solo quando è in funzione (leggete le istruzioni!). Dopo questa serie di consigli vi dico che secondo me se siete alla ricerca di una macchina del caffè superautomatica senza voler spendere troppi soldi, questa è la migliore che possiate trovare.

lunedì 24 novembre 2014

Fitbit Flex - RECENSIONE


E' da diversi mesi che ho acquistato il fantastico Fitbit Flex, nel frattempo sono stati presentati i nuovi modelli che verranno immessi sul mercato dal 2015 e solo ora pubblico la mia recensione. Sicuramente molto positiva. Partiamo dai pro o dai contro? Meglio dai contro per finire in bellezza questa recensione. Allora, sicuramente non mi hanno convinto i pochi dettagli che offre la piattaforma Fitbit, ad esempio per il monitoraggio del sonno al contrario di Jawbone, avrete solo l'ora in cui attiverete la modalità sonno (non c'è il rilevamento automatico del sonno) e quando vi sveglierete con le ore effettive di sonno (quindi esclusi i momenti in cui eravate svegli o agitati, che saranno segnati su un grafico con un colore diverso). Quindi mancano tutte quelle funzioni offerte da Jawbone come ad esempio minuti per addormentarsi e non vi è nessuna distinzione tra le varie fasi di sonno. Se vi dimenticherete di attivare la modalità sonno potrete comunque inserire l'orario manualmente quando vorrete e tutto verrà comunque registrato. Alcune funzioni poi del sito di Fitbit sono a pagamento e questo è un aspetto che ho criticato duramente anche per Runtastic. Infine sicuramente il prezzo non è uno dei più vantaggiosi considerando che per 20-40 € in più si trovano activity tracker molto più performanti. I miei "contro" finiscono qui e ora passiamo ad analizzare i vantaggi di questo fantastico wearable. Il design, a mio gusto, è uno dei migliori in commercio; non ho scelto jawbone infatti per l'orrendo design che offre (qui è tutto soggettivo), infatti sembra un braccialetto alla moda ed è davvero comodo da indossare. Inizialmente si fa parecchia fatica per inserirlo e agganciarlo correttamente, il sistema di chiusura non è uno dei più comodi però ci si prende la mano facilmente e non mi è mai capitato che si aprisse quindi la chiusura è ben salda e sicura. Nella confezione vi saranno forniti due braccialetti per diverse misure del braccio. Molto comoda è la sveglia con vibrazione al braccio in modo che non darete fastidio a nessuno e il vostro risveglio sarà anche migliore, peccato che la vibrazione non venga utilizzata anche per segnalare chiamate e peccato che non vi sia una funzione che vi svegli nel momento migliore come già accade su altri wearable di questo tipo. Infine aspetto più importante, la batteria. Mi sono trovato molto bene perchè lo carico sempre dopo 8 giorni, quindi copre una settimana intera e se siete fortunati forse riuscite ad arrivare anche a 10 giorni. Lo ricomprerei? Nonostante i contro che vi ho elencato ai quali si aggiunge per l'appunto anche quello di non poter sfruttare la vibrazione del fibit per chiamate in arrivo, si lo ricomprerei anche se un prezzo sui 50 € non farebbe tanto dispiacere. Molto comodo e poco invasivo, un ottimo acquisto che suggerisco a chiunque. 

venerdì 14 novembre 2014

Runtastic Libra - RECENSIONE

Visto che in rete non si trovano recensioni complete sulla Runtastic Libra e prima di comprarla avevo molti dubbi, spero che con la mia recensione potrò esservi di aiuto.
Premesso che non sono un amante dei servizi runtastic per tanti motivi, a partire dal fatto che facciano pagare non solo le app senza pubblicità ma poi anche un abbonamento mensile per avere funzioni avanzate, la scelta era Withings, Runtastic Libra o Fitbit Aria. La Runtastic Libra però è l'unica in grado di non misurare soltanto massa grassa e massa magra ma di andare nel dettaglio specificando la massa muscolare, i tessuti, la massa grassa e la percentuale di acqua corporea. Ora non sono un medico e non so dirvi quanti precisi siano questi dati però posso garantirvi che non vi ritroverete valori approssimativi diversi ogni volta che vi peserete e a me ha dato sempre gli stessi valori precisi. Questo è sicuramente l'unico pro che mi ha portato a scegliere la Runtastic piuttosto delle altre due, sicuramente anche il prezzo ha contribuito dal momento che non troverete la Withings sotto i 150 € mentre la Runtastic potrà essere vostra con 113 € su Amazon. Detto questo devo purtroppo subito passare ai contro che non sono pochi.
Innanzitutto la piattaforma Runtastic non mi ha convinto neanche un po', chi proviene da una Withings o dalla Fitbit Aria o semplicemente aveva tenuto i suoi valori nelle medesime app, si troverà impossibilitato nell'importare i precedenti valori in Runtastic se non pagando quel famoso abbonamento mensile di cui vi avevo parlato prima. Ma l'aspetto ancora più negativo è il fatto che non è neanche possibile importare i valori di Runtastic in Whitings o in Fibit nel caso voleste utilizzare un'app diversa. Potrete esportarli soltanto in MyFitnessPal. Questo è un brutto limite per chi magari utilizza come telefono principale Android col quale la bilancia non è compatibile, eh già perché la bilancia funziona solo con dispositivi Apple dall'iPhone 4S in poi mentre per quanto riguarda l'iPad dalla 3 generazione in poi. Quindi se avete un iPad e utilizzate Android l'unico modo per vedere i vostri valori fuori casa sarà accedere al sito di Runtastic tramite browser. L'applicazione per iPad non esiste neanche, l'app infatti è quella per iPhone non ottimizzata per iPad mentre sul sito di Runtastic potrete vedere un iPad che monta l'app di Runtastic Libra a pieno schermo quando si tratta solo di un fotomontaggio e dovrete usare l'app per iPhone non ottimizzata. Trovo davvero brutto pubblicizzare qualcosa che non esiste, l'app funziona benissimo su iPad ma se fosse ottimizzata non credo dispiacerebbe a nessuno. Altro limite, al contrario della Withings questa bilancia non funziona tramite Wi-Fi ma esclusivamente tramite Bluetooth che tra l'altro non funziona in background quindi dovrete ogni volta aprire l'app per sincronizzare i valori. E così se la mattina siamo di corsa, saliamo sulla bilancia pensando che poi potremo guardare meglio i nostri valori dal nostro smartphone fuori casa, beh ci si sbaglia di grosso perché i valori rimarranno nella bilancia (max. 30) finché non lancerete l'app trovandovi vicini alla bilancia e quest'ultima si sincronizzerà. Questo è sicuramente un aspetto parecchio scomodo quando con un semplice Wi-Fi avrebbe reso tutto automatico. 
In conclusione una bilancia che potrebbe offrire molto di più di quello che da attualmente, aspetto quindi un'app per Android e la sincronizzazione in background senza lanciare l'app ogni volta.

VOTO 6.5

sabato 6 settembre 2014

Alcune riflessioni post IFA 2014


Nonostante sia ancora in corso, IFA 2014, la più importante fiera dell' elettronica di consumo che si svolge annualmente a Berlino, ha già tolto il velo a quelle che saranno le novità che già da un po' di tempo stanno iniziando ad entrare nelle nostre vite. Innanzitutto come è logico che sia, molto ma molto mobile, è da anni infatti che il desktop sta lasciando posto a smartphone e tablet ed ora ad una nuova categoria di prodotti: i wearable. Novità assoluta di quest'anno, tantissimi produttori sono entrati nel mondo degli indossabili come Asus e Motorola per la prima volta. Questi indossabili portano con loro nuove funzioni, principalmente quella del fitness. Sia Apple che Google infatti hanno presentato i loro servizi che andranno a raccogliere tutti i dati sul fitness e sulla salute provenienti da diverse app, questo accadrà con iOS 8 e con Android L. Lo smartwatch sarà la ciliegina sulla torta che ci aiuterà a raccogliere ancora più dati, iWatch di Apple, di cui forse si saprà qualcosa il prossimo 9 settembre, potrebbe contenere diversi sensori e non soltanto quello di battito cardiaco. Siamo ormai quindi nella fase dei wearable che non significa solo smartwatch ma anche smartband come quella presentata da Sony o quella di Garmin per finire con visori come il Samung Gear VR e i più famosi Google Glass che sono conosciuti già da tempo. 
Ma oltre ai wearable un'altra moda stravagante che sta spopolando nel 2014 è sicuramente quella dei "selfie" e molti produttori hanno pensato bene di migliorare la fotocamera anteriore non solo di megapixels ma anche di funzioni come quella del panorama, migliora volto...etc. Samsung col Galaxy Note 4 ha investito molto su questo fronte ma anche Huawei, che ha presentato i nuovi Ascend Mate 7 e G7. 

Oltre ai wearable e ai selfie si è intravisto anche qualcosa di quello che tra qualche anno potrebbe entrare nelle case di tutti, la domotica. Attualmente siamo ancora agli inizi ma ci stiamo avvicinando anche a questo settore che potrebbe debuttare tra non molto. iOS 8 ha già dato il suo benvenuto alla domotica, Samsung ci pensa da anni, Google pure con l'acquisizione di Nest e D-Link si è appena lanciata con questo IFA 2014. Non abbiamo visto molto ma comunque qualcosa si sta muovendo in questo fronte e sempre più produttori se ne stanno iniziando ad occupare. Quella di quest'anno è stata un' IFA davvero ricca di novità anche se non sono ancora finite tutte, ricordo appunto il keynote Apple il 9 settembre dove dovremmo sapere qualche cosa di più sul presunto iWatch e sui due iPhone da 4.7 e 5.5 pollici. A breve dovremmo anche assistere al debutto di iOS 8 e quello di Android L, di cui il nome rimane ancora un segreto. Verso fine ottobre dovrebbe finalmente uscire in Italia il moto 360 che dovrebbe costare attorni ai 249 euro. Ma le novità non finiscono ancora perchè sarà presto presentato Android Wear 2.0!

Mac OS X 10.9 Mavericks su Windows in modalità virtuale


Innanzitutto dovrete fornirvi di VMware Workstation 10, seguite la mia guida per attivarlo correttamente qui, successivamente scaricate Mavericks da questo LINK. Per prima cosa dovrete andare in "\OS X Mavericks 10.9 Retail VMware Image\VMware Unlocker - Mac OS X Guest\VMware 8.x + 9.x + 10.x Series\VMware Workstation Unlocker - Windows" ed eseguire come amministratore il file "install.cmd", se non seguirete questo passo VMware non caricherà Mavericks. Ora siamo pronti per caricare Mavericks in VMware, avviamo il programma e selezioniamo "Open a Virtual Machine", prendiamo il file dalla posizione "\OS X Mavericks 10.9 Retail VMware Image\OS X Mavericks".

Ora rimane solo da configurare alcune ultime cose, clicchiamo su "edit virtual machine settings" sulla macchina virtuale appena creata e su "Memory" selezionate almeno 4 GB mentre su "Processors" su "Preferred Mode" selezionate dal menù a tendina "Intel VT -x or AMD -V".
Ora siete pronti per avviare Mavericks selezionando "Power on this virtual machine"!

giovedì 4 settembre 2014

VMware Workstation 10 SERIAL


Oggi andrò a condividere con voi i serial per attivare VMware Workstation 10, software comodissimo per utilizzare un sistema operativo in modalità virtuale. Andate QUI per scaricare dal sito di VMware la versione di prova, successivamente durante la fase di installazione inserite uno di questi serial per attivarlo.


SERIAL
1Z0G9-67285-FZG78-ZL3Q2-234JG
4C4EK-89KDL-5ZFP9-1LA5P-2A0J0
HY086-4T01N-CZ3U0-CV0QM-13DNU
5U4GA-DQ09H-EZK48-YTAQP-83K79
NU4FQ-DFH40-0ZA01-8A37K-32RKL
HF0DA-FF086-VZ739-AA87H-236M4
HF0A8-FMJ1P-1Z1U1-LK1N2-9AGKJ
5A477-D3284-3ZUF0-2K154-23R0P
MY47Y-2MK1M-6ZQC0-7J05M-8A60D
5V6K2-29243-HZDV0-VVA76-93A2R
NA28T-DR114-AZ9Z8-R1250-93U27
MF4JG-4H3DK-NZ3L0-KHCNM-8AMNP
NA6F3-2HKEM-6ZDF8-Q18N6-33DNN
1Y2FZ-AHJ5H-6ZU09-DKA5M-82RQ7
5U6KQ-6M240-LZMW1-U13N2-AAX7X
HA4FW-8G052-DZ8Q0-U295P-83KLV
5F4PK-42181-9ZXP9-T31Q6-1CVKM
JY468-44L9M-DZ479-3UA72-CAKHR
4F6Z5-80H42-FZ889-L007M-ACJJN
5F6E9-DHL4J-HZ640-KLA70-8C0NN