Pagine

martedì 15 luglio 2014

Nokia Lumia 630 - RECENSIONE

Ed eccoci per una nuova recensione, questa volta Nokia Lumia 630 e PlayUp che mi sono stati dati da Nokia Italia in prova per una settimana.
Il Nokia Lumia 630 proprio per il suo prezzo, attorno ai 150 €, risulta essere un device davvero interessante dimostrando ancora una volta come da sempre Nokia punti davvero su quella fetta di utenti che in tutti questi anni sono stati non considerati da Apple o produttori di device Android. Ne ho provati parecchi di telefoni con Android (iOS a quel prezzo non esisterà mai) sui 100-150-200 € e mai ho trovato una fluidità e qualità complessiva del telefono simile. Infatti il telefono monta l'ultimo aggiornamento di Windows Phone 8.1 che gira perfettamente senza nessun particolare lag. Bug purtroppo alcuni ce ne sono, in particolare uno che ho riscontrato proprio all'accensione è quello della data sbagliata che non ti permette di accedere allo Store o di accedere al telefono col proprio account Microsoft. Sistemate giorno ed ora e il problema si sistemerà immediatamente. Dicevo quindi di qualche bug, anche fastidioso come quello appena elencato, ma nel complesso Windows Phone 8.1 rimane un ottimo sistema estremamente semplice da utilizzare e come già ripetuto più volte davvero fluido per un telefono di quella fascia economica. La sua semplicità lo mette in stretta concorrenza con iOS di Apple; sostengo da anni infatti che il vero pericolo per Apple non sia tanto Android, che ha sempre avuto e sempre avrà un target di utenti diversi, ma proprio Microsoft il cui sistema è più simile e riesce però a raggiungere quella fetta di utenti che in modo disprezzante Apple neanche considera. Soprattutto di questi tempi con la crisi economica in cui stiamo vivendo è davvero un'ottima occasione poter entrare in possesso di uno smartphone che sia degno di portare quel nome per un prezzo simile. E' un fattore di estrema importanza che Nokia al contrario delle altre aziende ha preso a cuore. Questo Google sembra averlo capito un po' in ritardo e infatti nell'ultimo Google I/O di giugno scorso ha presentato Android One, un nuovo progetto per i mercati emergenti, che prevede la realizzazione di smartphone moderni con un costo non maggiore ai 100 $.
Ritorniamo però alla recensione del Nokia Lumia 630, uno dei pregi che sicuramente avrete afferrato è quindi il prezzo, ora vediamo gli altri. Ho parlato prima di fluidità e infatti potrete godere di tutte le funzioni del nuovo aggiornamento come Cortana, il nuovo assistente vocale, per ora solo in lingua Inglese ma presto arriverà anche nella nostra lingua mentre con Apple un iPhone 4 non ha potuto beneficiare di Siri. Giochi come Asphalt girano perfettamente riuscendo a giocare tranquillamente senza nessun tipo di lag. Fate la stessa prova con un Galaxy Ace il cui costo è superiore al Lumia 630 e vedrete che i giochi non girano in modo così fluido.Office si integra in modo favoloso permettendo in modo assolutamente gratuito di modificare tutti i tuoi documenti anche in mobilità salvandoli poi su OneDrive, il servizio cloud di Microsoft che a mio avviso dovrebbe essere migliorato ancora leggermente, ad esempio permettendo all'interno della funzione di backup automatico delle foto di scegliere gli album da sincronizzare. Avrete anche il noto programma Skype già installato che si integrerà con la vostra rubrica e a cui accederete col vostro account Microsoft. Ancora molto bisogna lavorare però su quest'ultimo sia in versione desktop che mobile; molte critiche avrei da fare su Skype ma in questo articolo ne tratto una in particolare rimanendo in tema Windows Phone 8.1. Negli ultimi anni abbiamo assistito alla scomparsa dei tradizionali SMS e a breve vedremo fare la stessa fine anche per le chiamate tradizionali, servizi come WhatsApp e Viber hanno dato idea ai produttori di integrare servizi simili direttamente nei loro smartphone come fece Apple con iMessage per i messaggi e Facetime per le chiamate/videochiamate e come fece Google lo scorso anno con Hangouts. Microsoft avrebbe dovuto fare la stessa cosa nell'ultimo update rendendo di fatto Skype l'applicazione predefinita per SMS e chiamate salvando cosi Skype da una migrazione di massa verso servizi più mobile come Viber o Facebook Messenger. Detto questo Microsoft sta creando un ottimo ecosistema che migliora di ogni aggiornamento rendendo il nostro smartphone Windows Phone un ottimo compagno da abbinare al nostro PC Windows! Utilizzando i servizi Microsoft potrete fare le stesse identiche cose che facevate magari prima con iOS o con Android. Windows e Windows Phone sono più integrati che mai e avrete a disposizione alcune app che vi ho elencato prima come la suite Office in modo completamente gratuito, Skype oppure le app Bing come Salute e Benessere, Microsoft HealthVault che purtroppo non se ne parla molto ma ha dato spunto ad Apple per il suo Health di iOS 8 e a Google per il suo Google Fit, entrambe funzioni in arrivo il prossimo autunno mentre sul vostro Nokia Lumia 630 avrete già tutto questo disponibile. Il servizio è davvero ben realizzato, si integra con app come Moves (disponibile solo per iOS e Android e quindi se utilizzavate questa app precedentemente sul vostro smartphone non perderete nessun vostro dato ma sarà tutto importato), con varie bilance come quella di Withings e con lo Fitbit. L'app Portafoglio è un'altra app molto utile che funziona come Google Wallet o Passbook su iOS.
Il design è davvero molto carino, poi dipende dai gusti, ma sicuramente si vede l'attenzione che Nokia pone sempre sui suoi prodotti anche quelli "low-cost". Il design richiama un po' lo stile di iPhone 5C con la parte posteriore colorata che ricopre i bordi. Lo schermo è un 4.5 pollici con una risoluzione di 854x480 pixel. La fotocamera è una 5 MP senza flash e infine monta uno Snapdragon 400 come processore. La batteria è di 1830 mAh che garantisce almeno 2 giorni di utilizzo normale. Io non usandolo intensivamente l'ho caricato solo due volte in una settimana! La memoria interna è da 8 GB ma espandibile tramite microSD (anche la sim è micro) fino a 128 GB e in più avrete a disposizione i 7 GB di OneDrive. L'audio l'ho trovato molto potente e quindi non dovrete avere problemi neanche in auto. Perchè il Nokia Lumia 630 ha anche un navigatore, Nokia Here Drive + dove sarà possibile scaricare le mappe che ci interessano per utilizzarlo anche offline. Potrebbe far piacere a molti sapere che lo smartphone monta anche una radio, sembra un po' assurdo eppure i telefoni più costosi odierni non hanno qualcosa di semplice come la radio. Le cuffiette invece non sono date assieme al telefono ma andranno bene tutte le classiche cuffie col jack da 3.5 mm. Oltre all'assenza delle cuffiette anche il carica batterie non mi ha convinto in quanto avrei preferito il classico carica batterie con cavo usb che invece manca e quindi non è possibile collegarlo al PC se non con cavo comprato appositamente. Nel complesso comunque stiamo parlando di un prezzo davvero eccezionale per una qualità complessiva del telefono così alta e queste piccole mancanze per il prezzo che costa si fanno presto a dimenticare.

Qualche screen di Cortana in inglese

Asphalt



 Internet Explorer





 Skype


 Office


Windows Phone Store

Nokia Here Drive


E qui alcuni scatti da Nokia Lumia 630, le prime due con una lampada accesa mentre le altre due con luce normale





 Lo stesso per iPhone 4 (sempre 5 MP)























Ora alcuni scatti all'aperto (prima foto Galaxy Note da 13 MP, seconda foto iPhone 4 da 5 MP e terza foto Nokia Lumia 630 da 5 MP); tutte le foto sono state scattate in modalità automatica



















Alcuni scatti del telefono




















Per quanto riguarda invece il JBL PlayUp, si tratta di uno speaker portatile davvero efficiente. Si tratta di un prodotto che può collegarsi a qualsiasi apparecchio grazie al cavo classico da 3.5 mm, bluetooth e NFC, quindi sicuramente non avrete problemi di compatibilità, inoltre la qualità del suono è davvero sorprendente. Il volume è strepitoso, fidatevi che non potrete mettere il volume al massimo perché sembrerà che abbiate appena aperto una discoteca in casa vostra, i bassi pure si sentono molto bene. Grazie alla qualità molto alta del suono e soprattutto alla possibilità di collegarlo a qualsiasi apparecchio anche quelli sprovvisti dell'odierna tecnologia NFC e bluetooth, mi sento di consigliare assolutamente questo speaker a chiunque sia alla ricerca di un prodotto simile. Per quanto riguarda la batteria vi dico solo che in una settimana di prova non ho mai ricaricato il prodotto usandolo per diverse ore; Nokia riporta 10 ore di autonomia e mi sento di confermare questi dati. Viene venduto a 169 €, un prezzo un po' alto ma sappiate che potrete utilizzare questo speaker anche in casa col vostro PC data la qualità ottima dell'audio.



giovedì 3 luglio 2014

iOS 8 beta 3 DOWNLOAD

Ecco a voi i link per scaricare in maniera completamente gratuita la beta 2 di iOS 8 per i dispositivi supportati. L'articolo verrà aggiornato con le prossime beta quando usciranno. La guida è molto semplice: scaricate la versione corretta per il vostro device, lo collegate ad iTunes e tenendo premuto il tasto Shift (su Windows) o ALT (su Mac) e cliccando su "Verifica aggiornamento" e in seguito selezionare il file scaricato. Per tornare indietro invece dovrete scaricare l'ultima versione di iOS 7 e cliccare questa volta su Ripristino sempre con il tasto ALT/Shift premuto. 
ATTENZIONE: I dati che avrete su iOS 8 andranno persi se tornete ad iOS 7 e potrebbe succedere che Apple, come successo l'anno scorso, blocchi il device a chi non è registrato come sviluppatore. 

LINK iOS 8 beta 3

giovedì 5 giugno 2014

Alcune considerazioni post WWDC 2014

Uno degli eventi più attesi dell'anno, il WWDC, dove Apple fino a qualche anno fa svelava il suo nuovo melafonino ed ora riservato agli aggiornamenti iOS e OS X. Ieri infatti è stato tolto il velo a iOS 8, il successore di iOS 7, il sistema operativo mobile montato su iPad ed iPhone. Molte sono state le novità sia per il settore mobile che per il Mac ma tirando le somme Apple risulta ancora un piccolo passo indietro alla concorrenza. Molti sono stati gli elementi copiati agli avversari per potersi rimettere in gioco dopo che nell'ultimo periodo dalla morte di Steve in poi hanno fatto sentire la mancanza del fattore "wow" che caratterizzava ogni keynote Apple che si rispettasse. Si sono messi in gioco e hanno dimostrato che sono disposti a cambiare la loro politica, o meglio la politica di Jobs, pur di rimanere in campo. Tra le tantissime novità presentate infatti spunta anche una maggiore apertura del sistema nei confronti degli sviluppatori, uno dei motivi principali di moltissime migrazioni verso un sistema aperto come Android. Ma non è tanto quest'ultimo a preoccupare Apple ma semmai la sua rivale di sempre Microsoft. Apple e Google hanno due target di utenti differenti, sicuramente gli utenti smanettoni preferiranno Android mentre quelli interessati più alla praticità sceglieranno iOS. Windows Phone invece ha parecchio in comune con iOS di Apple, ad esempio non è un sistema aperto come Android ed è molto semplice ed efficace da utilizzare. Forse mi prenderete per matto perchè ritenere un sistema mobile come Windows Phone minaccioso per iOS che regna sovrano in molti paesi è forse un po' azzardato e invece io non credo. Grazie soprattutto alla forte alleanza con Nokia che solo recentemente è stata acquisita da Microsoft, hanno saputo realizzare i migliori smartphone a basso costo. Apple non possiede quella fascia di utenti e se continua con questa politica mai li possederà mentre Android ci è andato vicino col Nexus e il Motorola Moto X ma mai quanto un Nokia Lumia con prezzi che arrivano anche ai 100 €.
Tra le grandi novità presentate sul palco da Craig Federighi ieri sera sicuramente degna di nota è l'ottima strada percorsa da Apple nel migliorare ancora il loro ecosistema puntando su un'ottima integrazione tra iDevices e Mac. Ora infatti col nuovo sistema operativo OS X 10.10 Yosemite e col nuovo iOS 8 sarà possibile rispondere ad una chiamata ricevuta sul proprio iPhone direttamente dal Mac (ovviamente il requisito sarà di trovarsi sotto la stessa rete WiFi), rispondere ad una e-mail e poi continuare la scrittura su un altro dispositivo, lavorare su un documento e continuare sul proprio Mac o viceversa, collegarsi alla rete internet del proprio iPhone se si trova nelle vicinanze senza dover configurare l'hotspot personale. Sono piccole cose che contribuiscono a migliorare l'ecosistema Apple, molto chiuso ma molto funzionale. Chissà se vedremo qualcosa di simile tra Android e Chrome nel prossimo futuro.
Come avevo accennato prima molte sono le novità per Apple, meno invece per i suoi avversari che vantano tali funzioni da molto più tempo ma come dicevo è comunque un gran passo in avanti per Apple che riesce a rimettersi in carreggiata e che se continua su questa strada potrebbe riprendere la corsa che aveva interrotto. Sicuramente balza all'occhio Hey Siri, molto simile all'Ok Google. Grazie ad esso infatti si potrà richiamare Siri senza premere nessun pulsante (se l'iPhone è collegato ad una fonte di energia) proprio come accade già con alcuni device Android ma solo in lingua inglese (Google non perdere questo treno e rendi velocemente questa opzione molto comoda disponibile a tutti in più lingue, anche perchè piccola nota per ricordare che Siri già da quando è stato lanciato è richiamabile semplicemente premendo il tasto home del telefono mentre Google Now non ha un tasto predefinito e rende meno istantaneo il suo utilizzo). Da citare assolutamente sono le note vocali già presenti su Whatsapp mentre su Hangouts c'è la possibilità di mandare dei videomessaggi ma solo da iOS e la funzione non è stata ancora resa disponibile per Android quindi doppia nota per Google, veloce ad aggiornare Hangouts che tra le tante cose che mancano ancora vi sono sicuramente le note vocali e i videomessaggi già disponibili per la versione iOS. Le note vocali sono state rese molto semplici permettendo di ascoltare la nota semplicemente portando il telefono all'orecchio e potendo rispondere subito dopo senza premere un tasto, funzione sicuramente molto comoda per poter ascoltare in pubblico note vocali, funzione che manca invece su Whatsapp.
Finalmente iCloud diventa iCloud Drive disponibile solo per dispositivi Apple e PC Windows (avrebbero potuto pubblicare la loro prima app su Google Play e renderlo disponibile anche per Android ma magari in futuro potrebbe anche essere) diventando un vero e proprio servizio cloud come Google Drive o Onedrive dove poter salvare i propri documenti.
Ho citato solo alcune tra le maggiori novità, ce ne sono anche alcune molto interessanti a cui Google potrebbe trarre spunto per inserire funzionalità simili anche su Android come ad esempio la comodissima funzione Family Sharing che ci permetterà finalmente di condividere i nostri acquisti con i nostri familiari senza dover acquistare lo stesso prodotto due volte. Qui potrete trovare tutte le novità di iOS 8 presentate da Apple che giungeranno questo autunno su iPhone 4S, 5, 5S e 5C e su iPad 2, iPad con retina display e iPad Air e infine iPad mini e iPad mini con retina display. Ebbene si, l'iPad 2 a sorpresa sarà ancora supportato e finirà qui la sua lunghissima carriera.
Apple quindi ha dimostrato di sapersi mettere in gioco cambiando non radicalmente ma comunque cambiando la loro politica instaurata da Steve Jobs. Probabilmente vedremo ancora più sorprese a settembre quando dovrebbe finalmente arrivare un iPhone di diverse dimensioni. Lo scopriremo a settembre! Intanto vi lascio l'ottima recensione di Andrea Galeazzi, blogger di HDblog.

martedì 6 maggio 2014

Chromecast - La recensione

Comprata al giorno del lancio in Italia, solo ora trovo un po' di tempo per scrivere una recensione. Per chi non sapesse nulla sul nuovo prodotto by Google, la Chromecast non è altro che un dongle che si inserisce nella presa hdmi della TV e ci da accesso ad una grande quantità di contenuti in modo semplice e veloce. 
Vediamo ora con calma che cosa possiamo fare col dongle di Google e come sia semplice il suo utilizzo. Partiamo dalla configurazione, inserendo la Chromecast nel televisore e collegandola ad una fonte di corrente (nella confezione ci viene fornito un cavo micro-usb da collegare al televisore oppure ad un caricatore sempre fornito), accendiamo la TV sul canale HDMI. Ora basterà seguire le istruzioni che appariranno sul televisore per collegare la Chromecast al nostro router WiFi perchè infatti Chromecast per funzionare ha bisogno di una connessione wireless ad internet. Diciamo che solo questo punto può essere poco semplice per alcuni di voi, nel mio caso per esempio ci sono stati problemi col mio router TP-LINK quindi se vi capitasse anche a voi di avere problemi nella configurazione iniziale col vostro router dovrete modificare la crittografia in AES e non utilizzare una connessione wireless a 5 GHz. 
Detto questo utilizzare la vostra Chromecast sarà semplice come non mai, per trasmettere contenuti sul vostro televisore dovrete utilizzare le app per iOS o Android compatibili (stanno aumentando sempre di più), ci sono già tutte le app Google come Google Play Movies, Youtube, Google Play Music e potrete trovarne altre sullo Store, tra le più famose cito per Android AllCast. Vi suggerisco anche di scaricare l'app per Android CastStore che vi dirà quale app sono disponibili nel Play Store compatibili con Chromecast. Dal PC potrete poi scaricare l'estensione per Chrome Google Cast che vi permetterà di trasmettere le vostre pagine web inclusi video, quindi potrete guardavi un film in streaming e trasmetterlo alla vostra tv in un click. Alcuni siti di Google come Youtube, Google Play Music e Google Play Movies presenteranno un pulsante per trasmettere direttamente il contenuto alla Chromecast senza trasmettere tutta la pagina web, comodissimo quindi se state guardando un video su Youtube con un click si aprirà sul vostro TV. Il prezzo è davvero il vero punto di forza per un prodotto così interessante perchè non troverete altre soluzioni simili alla Chromecast che offrono un servizio simile così multi piattaforma come piace fare a Google per un prezzo di 35 euro. Basti pensare alla Apple TV che ha un costo maggiore, ovvero 109 € contro i 35 € della Chromecast ma sopratutto è limitata ai soli prodotti Apple. Oppure ci sono soluzioni come AllShare di Samsung che ci permette di visualizzare foto e video ma solo su Samsung Smart TV. Ma dove si può ordinare la Chromecast? Direttamente dal Play Store con spese di spedizione per un totale di 38 € altrimenti tramite il servizio fantastico di Amazon a 35 € con spese di spedizioni gratuite. Credo che sia un oggetto che ognuno dovrebbe avere collegato al proprio televisore. 




sabato 28 dicembre 2013

Adobe Acrobat XI Pro Crack

Ecco qui le crack di Adobe Acrobat XI Pro:


Basterà semplicemente avviare la patch, in caso di problemi usate i commenti.

Adobe Dreamweaver CC Crack

Ecco qui le crack di Adobe Dreamweaver CC:


Basterà sostituire il file nella cartella del programma, molto semplice ma se avete bisogno di aiuto come sempre chiedete nei commenti.

TESTATO SOLO SU WINDOWS

Adobe Photoshop CC Crack

Crack per Adobe Photoshop in versione CC, cioè l'ultima.
Basterà come con le crack di Adobe InDesign sostituire il file nella cartella del programma. Molto semplice ma chiedete nei commenti in caso di problemi.

LINK ADOBE PHOTOSHOP CC

TESTATO SOLO SU WINDOWS